I ferri del mestiere: come scegliere la prima macchina fotografica

I ferri del mestiere: come scegliere la prima macchina fotografica
Vuoi cominciare a entrare nel mondo della fotografia amatoriale ma non ti sai decidere sulla fotocamera da scegliere, con questo articolo provo a fare un po’ di luce su quello che puoi trovare a giro.

Di tipologie di macchine fotografiche ce ne sono diverse, un tempo andavamo a giro con una compatta, cosa che oggi, anche ad averla, non succede semplicemente perché abbiamo in tasca il nostro cellulare e dimentichiamo una macchina nel cassetto a prendere polvere. È vero la comodità c’è! Anche se l’ottica non esiste, è semplicemente una piccola lente che, se andiamo ad analizzarla magari non è neanche di qualità. Pecca che però è ricompensata da software molto potenti. In alternativa a queste ci può essere un cellulare con ottica incorporata (che attualmente lo fa la Samsung), oppure un obiettivo per fotocamera. Sono wireless e li comandi direttamente dallo smartphone tramite una app, la slot per la scheda di memoria è nell’obiettivo stesso e li puoi applicare al telefono grazie ad un attacco a pinza. Meno costosa rimane sempre la compatta, che con poco più di un centinaio d’euro ti porti a giro una macchinina di tutto rispetto.

Ma arriviamo a quelle che ti permettano di entrare in un livello più amatoriale, la reflex è sempre una signora macchina, ma da qualche tempo sono entrate sul mercato le mirrorless, macchine anch’esse ottime… sostanzialmente la differenza tra le due categorie è l’ingombro, la mirrorless effettivamente è più pratica da portarsi dietro essendo una via di mezzo tra la compatta (da cui prende la “compattezza”) e la reflex (per le ottiche intercambiabili). Ogni mirrorless ha la possibilità, tramite un adattatore, di poter montare le ottiche di una reflex, ma almeno che tu non abbia già un bel corredo, non è consigliabile, in questo modo perderesti la sua compattezza originale.

Le due cose fondamentali da tenere presente sia nella reflex che nella mirrorless sono essenzialmente i megapixel e la sensibilità iso. I megapixel essenzialmente definiscono la grandezza della foto e non devono essere per forza alti, principalmente la qualità della foto è data dalla grandezza del sensore della fotocamera, tornando ai megapixel, calcola che la vecchia pellicola 135mm è paragonabile a circa 18MP, dipende tutto da cosa ci devi fare, se le devi semplicemente postare su facebook e al massimo fare qualche stampa 20x30 ti basta anche una macchina di qualche anno fa a 12MP. Sarebbe come avere una macchina sportiva che ti supera i 250km/h e la usi per andare in città, dove più di 50km/h non li puoi fare…

Un’altra cosa da tenere in considerazione è la sensibilità iso, ovvero quanta luce può sopportare il sensore della macchina fotografica, anche lì non importa avere, almeno inizialmente, una fotocamera con iso che arrivano a 12000. Anzi, se riesci, cerca di non fare foto oltre i 1600.

Ora la decisione è solo tua, non guardare il marchio, solo perché Nikon o Canon sono più “fiche” di Sony, Olympus, Fuji o le altre, guarda intanto il budget che hai e cosa ci devi fare… noi ci vediamo presto

Daniele Scuccimarra

Nome

Tua e-mail

Messaggio

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "consento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies consulta la nostra Informativa Cookies. OK